AVVISO PUBBLICO - PRESENTAZIONE DI PROPOSTE DI INTERVENTO PER IL RESTAURO E LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHITETTONICO E PAESAGGISTICO RURALE

La domande di finanziamento dovranno pervenire a partire dalle ore 10,00 del 22 Aprile 2022, e non oltre le ore 16.59 del 20 Maggio 2022

Data di pubblicazione:
28 Aprile 2022
AVVISO PUBBLICO - PRESENTAZIONE DI PROPOSTE DI INTERVENTO PER IL RESTAURO E LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHITETTONICO E PAESAGGISTICO RURALE

Avviso pubblico per la presentazione di proposte di intervento per il restauro e la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale da finanziare nell’ambito del PNRR
 

 

Gli operatori dello Sportello di Orientamento alle Imprese rendono noto  che la Direzione generale dei Beni culturali, informazione, spettacolo e sport ha pubblicato un avviso finanziato nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) tramite la Missione 1 - digitalizzazione innovazione, competitività e cultura, Componente 3 - rigenerazione di piccoli siti culturali, patrimonio culturale, religioso e rurale.


L’investimento 2.2, a cui fa riferimento il bando, punta alla protezione e valorizzazione dell’architettura e del paesaggio rurale.


Destinatari


Possono presentare domanda di finanziamento persone fisiche e soggetti privati profit e non profit, compresi gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, enti del terzo settore e altre associazioni, fondazioni, cooperative, imprese in forma individuale o societaria, che siano proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo di immobili appartenenti al patrimonio culturale rurale secondo le disposizioni stabilite nell’avviso.


Il patrimonio oggetto degli interventi è costituito da edifici, strutture e opere rurali, elementi della cultura, religiosità, tradizione locale, tipologie dell’insediamento rurale storico extra urbano.

 

Tipologie di patrimonio culturale rurale oggetto di intervento

 

a) Edifici rurali: manufatti destinati ad abitazione rurale (case coloniche) o destinati ad attività funzionali all’agricoltura (mulini ad acqua o a vento, frantoi, etc.), o ad attività didattiche (scuole rurali, masserie didattiche, ecc.) che abbiano o abbiano avuto un rapporto diretto o comunque connesso con l’attività agricola circostante e che non siano stati irreversibilmente alterati nell’impianto tipologico originario, nelle caratteristiche architettonico- costruttive e nei materiali tradizionali impiegati;

 

b) Strutture e/o opere rurali: i manufatti che connotano il legame organico con l’attività agricola di pertinenza (fienili, ricoveri, stalle, essicatoi, forni, pozzi, recinzioni e sistemi di contenimento dei terrazzamenti, sistemi idraulici, fontane, abbeveratoi, ponti, muretti a secco e simili);

 

c) Elementi della cultura, religiosità, tradizione locale: manufatti tipici della tradizione popolare e religiosa delle comunità rurali (cappelle, edicole votive, chiese campestri e rurali, ecc.), dei mestieri della tradizione connessi alla vita delle comunità rurali, ecc.

 

d) Tipologie dell’insediamento rurale storico extra urbano rilevabili sul territorio regionale sardo quali a titolo esemplificativo stazzi, medaus, furriadroxius, boddeus, bacili, cuiles, ecc..

 

2. Non sono ammissibili le operazioni riguardanti beni localizzati nei centri abitati.

 

Massimale del contributo

 

Il contributo è concesso, fino ad un massimo di 150.000,00 euro come forma di cofinanziamento per un’aliquota del 80%, il contributo è portato al 100% se il bene è oggetto di dichiarazione di interesse culturale, fermo restando la soglia massima di 150.000,00 euro.


La domande di finanziamento dovranno pervenire a partire dalle ore 10,00 del 22 aprile 2022, e non oltre le ore 16.59 del 20 maggio 2022, utilizzando esclusivamente l’applicativo informatico di Cassa Depositi e Prestiti il cui link verrà pubblicato nella pagina dedicata alla documentazione dell’Avviso.

 

Lunedì 2 Maggio a partire dalle 11, in diretta streaming sulla pagina Facebook della Regione Sardegna, si terrà un webinar con l'obiettivo di informare i destinatari sui principali aspetti del bando e sul funzionamento della piattaforma di accesso per la presentazione delle istanze sul portale di Cassa depositi e prestiti.

Ultimo aggiornamento

Lunedi 30 Maggio 2022