Immagine non trovata

OGGETTO: Rinvio apertura scuole di Trinità d’Agultu e Vignola nelle more dell’esecuzione attività di mappatura ed esami diagnostici a seguito dell’accertamento di contagio da COVID-19

 

IL SINDACO

VISTI:

- il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante «Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19» e, in particolare, l’articolo 3;

- il D.P.C.M. 23.02.2020 contenente “Disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n.6 recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”;

- il D.P.C.M. 25.02.2020 contenente “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19;

- il D.P.C.M. 1.03.2020 contenente “Misure urgenti di contenimento del contagio da COVID- 19;

- il D.P.C.M. 4.03.2020 contenente “Ulteriori disposizioni attuative del Decreto- Legge 23 febbraio 2020 n. 6 recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale”;

- il D.P.C.M. 8.03.2020 contenente “Ulteriori disposizioni attuative del Decreto- Legge 23 febbraio 2020 n. 6 recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19;

- il D.P.C.M. 9.03.2020 contenente “Ulteriori disposizioni attuative del Decreto Legge 23 febbraio 2020 n. 6 recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale;

- il D.P.C.M. 11.03.2020 “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale”;

- l’ordinanza del Ministro della salute del 20 marzo 2020 recante «Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale » pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 73 del 20 marzo 2020;

- l’ordinanza del Ministro dell’interno e del Ministro della salute del 22 marzo 2020 recante «Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale»;

- il D.P.C.M. 22 marzo 2020 “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale“;

- l’Ordinanza del Presidente della Regione Sardegna n. 9 del 09.03.2020 recante “Disposizioni Attuative del Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti di concerto con il Ministro della Salute n. 117 del 14 marzo 2020 per il contrasto e la prevenzione della diffusione epidemiologica da COVID-2019 nel territorio regionale della Sardegna, ai sensi dell'art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica” con la quale preso atto dell’evolversi della situazione epidemiologica e del carattereparticolarmente diffusivo dell’epidemia e dell’incremento dei casi e dei decessi notificati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, detta le misure urgenti e straordinarie per il contenimento adeguato della diffusione del COVID-19 nella regione Sardegna;

- La dichiarazione dell'OMS del 30 gennaio con la quale ha dichiarato l'epidemia da COVID-19 un'emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale per poi con l’ultima dichiarazione dell'11 marzo definirla come "situazione pandemica”;

- il D.P.C.M. 01 aprile 2020 contenente la proroga delle misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale;

- il D.P.C.M. 10 aprile 2020 “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale”;

- il D.P.C.M. 26 aprile 2020 recante “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale”;

- l’Ordinanza del Presidente della Regione Sardegna n. 20 del 02.05.2020 recante “Ulteriori misure straordinarie urgenti di contrasto e prevenzione della diffusione epidemiologica da COVID-2019 nel territorio regionale della Sardegna. Ordinanza ai sensi dell'art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica”;

 

PRESO ATTO dell'evolversi della situazione epidemiologica nel territorio comunale che impone il rigoroso rispetto delle normative specifiche e dei protocolli sanitari previsti, in seguito all’accertata presenza di n. 1 caso di positività da Covid-19 e della verifica di potenziali ulteriori casi;

 

ATTESO che, in seguito a tale accadimento, risultano in corso d’esecuzione sia la mappatura della rete dei contatti del soggetto positivo, sia l’effettuazione degli opportuni esami diagnostici sui soggetti potenzialmente coinvolti al fine di appurare l’eventuale presenza del virus;

 

CONSIDERATO che la comunità locale è caratterizzata da ridotte dimensioni demografiche e da una fitta rete di relazioni ed interazioni familiari e sociali, per cui occorre innalzare il livello di attenzione sulle dinamiche del contagio;

 

DATO ATTO che in tale frangente appare necessario scongiurare il verificarsi di occasioni di assembramento potenzialmente idonee alla propagazione del virus nella popolazione;

 

RITENUITO pertanto opportuno, in via precauzionale e nelle more del completamento delle procedure di verifica e controllo da parte delle competenti autorità sanitarie sui soggetti esposti al contagio da COVID-19, adottare specifico provvedimento ex art. 50 del D. Lgs. 267/2000 per rinviare di alcuni giorni l’avvio delle attività scolastiche delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado di Trinità d’Agultu e Vignola;

 

VISTA la Legge n. 241/1990;

 

VISTO il D. Lgs. 267/2000 ed in particolare l’art. 50;

 

Tutto ciò premesso e considerato,

ORDINA

 

Nelle more del completamento della mappatura della rete dei contatti del cittadino risultato positivo al COVID-19, nonché dell’effettuazione da parte dell’autorità sanitaria degli esami diagnostici atti ad accertare l’eventuale presenza di ulteriori casi di positività nel territorio comunale, di posticipare l’apertura delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado di Trinità d’Agultu e Vignola alla data del 28.09.2020, eventualmente prorogabile;

DISPONE

Che la presente venga trasmessa al Dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo di Badesi;

Che il presente provvedimento sia pubblicato all’albo pretorio comunale e sul sito web istituzionale

 

AVVERTE

che contro la presente Ordinanza gli interessati possono proporre:

- ricorso al TAR entro 60 gg. ovvero

- ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 gg. tutti decorrenti dalla data di notificazione o dalla piena conoscenza del presente provvedimento.

 

 Trinità d’Agultu, lì 21.09.2020                                                                       IL SINDACO

                                                                                                                         Giampiero Carta

Ultimo aggiornamento

Martedi 06 Ottobre 2020