BANDO E DOMANDA CONTRIBUTO DI LOCAZIONE

Per i nuclei familiari titolari di contratti di locazione ad uso residenziale di unità immobiliari di proprietà privata.

Data:
24 Settembre 2021
Immagine non trovata

BANDO PUBBLICO PER L’ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI PER IL SUPPORTO DELLE SPESE SOSTENUTE PER PER LE ABITAZIONI IN LOCAZIONE ANNO 2021.

LEGGE 431/98 ART. 11.

 

RICHIAMATA la Delibera  G.R. n. 37/40 del 9/09/201  con la quale  sono stai approvati i criteri  per l’individuazione dei destinatari e modalità di determinazione dei contributi  ai sensi dell’Art. 11 delle L. 9 dicembre 1998, n. 431, D.M. N. 290 DEL 19/07/2021.

 

Art 1.  DESTINATARI DEI CONTRIBUTI

 

I  destinatari dei contributi sono i nuclei familiari titolari di contratti di locazione ad uso residenziale di  unità immobiliari di proprietà privata.

Il contratto deve essere regolarmente registrato e riferitio ad un alloggio adibito ad abitazione principale, corrispondente alla residenza anagrafica del nucleo richiedente.  Tale condizione deve sussistere per il periodo a cui si riferisce il contratto di locazione.

Per gli immigrati extracomunitari è necessario, inoltre,  il possesso di un regolare titolo di soggiorno.

Sono esclusi  i titolari di contratti di locazione di unità immobiliari  classificati nelle categorie catastali A1, A8, A9.

Nono sono ammessi i nuclei familiari nei quali anche un solo componente risulti titolare del diritto di proprietà,usufrutto, uso o abitazione su un alloggio adeguate alle esigenze del nucleo familiare, ai sensi dell’art. 2 della L.R. n. 13/89, sito in qualsiasi località del territorio nazionale.

Nel caso in cui il componente del nucleo familiare non abbia l’intera proprietà, l’adeguatezza dell’alloggio è valutata sulla base della propria quota.  Il componente del nucleo familiare è ammesso al bando nel caso in cui,pur essendo titolare del diritto di proprietà, non può godere del bene.

Non sono ammessi i nuclei familiari che abbiano in essere un contratto di locazione tra parenti ed affini entro il secondo grado, o tra coniugi non separati legalmente.

 

 

Art. 2 REQUISITI ECONOMICI PER OTTENERE I BENEFICI

 

Possono presentare la domanda di contributo coloro che risultino in possesso dei seguenti requisiti:

 

Fascia A)   ISEE ordinario o corrente non superiore a due pensioni minime INPS (€ 13.338,26) , rispetto al quale l’incidenza sul reddito del canone annuo corrisposto è superiore al 14%;   l’ammontare di contributo per ciascun richiedente è destinato a ridurre sino al 14% l’incidenza del canone sul reddito e non può essere superiore a € 3.098,74;

 

Fascia B) ISEE ordinario o corrente superiore a 13.338,26 e pari o inferiore ad € 14.162,00 rispetto al quale l’incidenza del canone annuo corrisposto è superiore al 24% e non può essere superiore a 2.320,00;

 

Fascia Covid) ISEE Corrente o ordinario del nucleo familiare uguale o inferiore a € 35.0000,00 rispetto al quale  l’incidenza del canone annuo corrisposto è superiore al 24% (Fascia B) e non può essere superiore ad € 2.320,00.

Per l’ammissibilità alla fascia Covid i richiedenti devono presentare autocertificazione nella quale dichiarini di aver subito, in ragione dell’emergenza covid -19, una perdita del reddito IRPEF superiore al 25% , la riduzione del reddito può essere certificata anche attraverso l’ISEE corrente o, in alternativa, mediante confronto tre le dichiarazioni fiscali 2021/2020.

 

Art. 3 Particolari situazioni di disagio

 

Per i nuclei familiari che includono ultrasessantacinquenni, disabili o cause certificate di particolare debolezza sociale, il limite del contributo stabilità potrà essere incrementato del 25%.

 

Art. 4 Cumulabilità con altri contributi  per il sostegno alla locazione

 

I contributi ottenuti con il presente procedimento non sono cumulabili con la quota destinata all’affitto del c.d. reddito di cittadinanza di cui al Decreto Legge 28/01/2019 n. 4 e successive modifiche e integrazioni. Pertanto i comuni, successivamente all’erogazione dei contributi, comunicano all’INPS la lista dei beneficiari , ai fini della compensazione  sul reddito di cittadinanza per la quota destinata all’affitto.

 

La cumulabilità con altre forme di ristoro a supporto delle spese dei canoni di locazione, provenienti da Enti diversi,  prevede  che il contributo annuale non superi in alcun caso il valore annuo del canone di locazione.

 

Art. 5 Presentazione delle istanze

 

Le domande di partecipazione scaricabili dal sito: www.comuneditrinita.it , devono essere presentate entro e non oltre il 15/11/2021 nei seguenti modi inviate via pec all’indirizzo: protocollo.trinitadagultu@legalmail.it o consegnate a mano all’ufficio Protocollo ubicato al Piano terra della casa comunale negli orari previsit per il ricevimento al pubblico.

 

 

 

Il Responsabile del Servizio Sociale

Dott. Piergiovanni Deffenu

 

Ultimo aggiornamento

Martedi 12 Ottobre 2021